lunedì 21 aprile 2008
Mi Tengo



Se domani sarà,
tempo per le mie mani.
Ora che perdo questo,
chiedimi.
Che mi sento di venire
Guarda
come
lo
faccio.
Guarda
che
non
prendo
il tempo.
Guarda
che
ho provato.
Guarda
che
non farò piovere.
Guarda
che
aprirò le braccia.
E in un giorno con la sabbia
entrerò prima di me.

(E poi ancora in rapida successione)
Quel giorno abbandonai tutti i miei dei, e piangendo al cuore suo, posso dire che ci sono. Ora che mi hai fatto toccare prendimi che godo di me. Prendi me, che adoro tentare il fallimento e lo spaccio per riso. Mi apro un po' di più e fotto col mondo tenendolo con i piedi e poi sarò tuo.
 
posted by Andrej Blàc at 09:39 | 1 comments